Analisi: cronoscalate e gare in salita amatori

Analisi: cronoscalate e gare in salita amatori

Presento due files, entrambi top 10 nelle gare in salita in ambito amatoriale.

 

File 1 (atleta: 67 kg)

                                              
Una buona prestazione quest’oggi, salita adatta alle tue caratteristiche perchè lunga ma piuttosto regolare e senza cambi di pendenza che avrebbero potuto mettere in difficoltà un passista-scalatore. Buona percentuale di lavoro in quadrant II e gestione corretta dello sforzo. Un inizio come sempre abbastanza intenso, partendo in posizione arretrata hai dovuto subito adottare intensità elevate per superare i concorrenti più lenti e portarti in scia degli atleti di pari livello, così abbiamo un andamento irregolare (colpa anche dei tornanti) e 6-7 picchi di potenza oltre i 550w, con fc che risulta pronta e reattiva nel portarsi oltre i 195 bpm, quindi in prossimità del valore di soglia anaerobica. In realtà, a causa della lunghezza importante della salita, il gruppo dei primi non ha tenuto un’andatura troppo elevata, e con 370w normalizzati nei primi 6′ sei riuscito a rimanere a ruota senza staccarti e senza esagerare rischiando un accumulo eccessivo di tossine. buone le velocità, intorno ai 23 orari in questa prima parte, e le cadenze, sempre sopra le 90 rpm come da tua caratteristica. Intorno ai 5.3 w kg hai poi dovuto utilizzare maggior morigeratezza per evitare un brusco calo, quindi troviamo un pace adeguato allo scopo, con la successiva mezz’ora a 320w normalizzati con fc che non accenna a diminuire, il delta fc watt mostra una buona propensione a sostenere lo sforzo evitando esagerazioni/fuorigiri che su un’ascesa del genere avresti pagato a caro prezzo. Siamo sempre intorno ai 200bpm medi e la Vam si mantiene sui 1280m/h, un buon valore che rappresenta poi la sostenibilità sull’ora di scalata in Ftp.

 

Intorno al decimo km di gara abbiamo una buona sparata di un minutino abbondante sui 400w, questa dovrebbe essere la fase in cui, secondo descrizione, sei riuscito a sganciarti dal gruppo precedente e raggiungere i 4 che vedevi a tiro.. una mossa azzeccata per cercare di procedere con passo più elevato anche dal punto di vista psicologico, lo stare a ruota su pendenze del genere può essere utile anche e soprattutto a livello psicologico. negli ultimi 6 km hai proceduto infatti con verve maggiore, sia perchè la gamba rispondeva a dovere sia per la consapevolezza di avere una giornata di forma discreta, così sei sempre stato sui 340w normalizzati con ottima regolarità. La risposta metabolcia non è stata mai malvagia, fc molto sostenuta e cadenza mai sotto le 82 rpm con ben 42 N-m di torque, niente male direi! Hai proseguito bene e con questa gestione intelligente dello sforzo hai chiuso gli ultimi 12′ a 352w normalizzati, riuscendo a fare un buon incremento nei temuti km finali; dopo essere stato in controllo per i 2/3 di gara, sei riuscito a crescere di una ventina di watt, staccado i compagni ma non riuscendo a raggiungere il podio di categoria, visto che il cedimento atteso dai rivali non si è verificato.. inoltre il pace adeguato ti ha permesso di concludere con mmol di acido lattico significative, e le tue caratteristiche di scarsa capacità lattacida non hanno potuto generare un allungo decisivo. In ogni caso da rimarcare l’ultimo minuto a 400w, rpoducendo un allungo che ti ha permesso di staccare la coppia che procedeva con te al vano inseguimento.
In conclusione, una bella prova, oltre 1340 m/h di Vam su una salita di 45′ non sono pochi, direi che ti possa ritenere soddisfatto anche se innalzando la qualità e lavorando in modo specificoper qeusta specialità si potrebbe ottenere un certo miglioramento!

 


File 2 (atleta: 62 kg)



Oggi hai optato per la gara in salita, ottimo test per la condizione attuale raggiunta e buona percentuale di lavoro in quadrant I e II. Peccato invece non aver inserito una seconda salita dopo lo sforzo cronometrato, mentre per quanto riguarda il test odierno la giudicherei una buona, ma non ottima, prestazione.
Una gara in salita di circa 25’, una top ten è risultato tutto sommato buono visto quanto hai lavorato sui volumi in quest’ultimo mese, per certi versi le due competizioni di questa settimana sono agli antipodi rispetto alla tipologia di training prevalente nel periodo. La prova assume perciò maggior significato considerando che ti sei battuto anche con specialisti con un background di gare del genere decisamente maggiore. Peccato per il riscaldamento, inconsistente e troppo lontano dallo start, in queste gare è fondamentale partire con il motore in temperatura visto e considerato che sei un diesel come caratteristiche e soffri l’inizio a mille. Questa fase in prospettiva andrà decisamente rivista!
Tornando alla gara vera e propria, so che non è affatto facile, per esperienza, ma avresti dovuto cercare di tenerti maggiormente nella primissima fase, sei forse andato un po’ oltre; 350w su 5’ iniziali sono un bel valore senza ombra di dubbio, ma successivamente non sei riuscito a replicarlo andando a calare costantemente e stando nei successivi minuti sui 290w normalizzati, un’intensità al di sotto della tua Ftp.

Inoltre, con un tratto di spianata al 2% sui 270-280w (in teoria avresti potuto tirar giù qualche dente) ci può stare il risparmio delle energie, ma successivamente non hai più avuto la forza di replicare un lavoro vo2max così esteso nella fase finale, seppur con una buona progressione; siamo intorno ai 350w normalizzati solamente negli ultimi 2’.
Forse stando più cauto nella prima fase avresti potuto gestire meglio la gara, e concludere ampiamente in crescendo la seconda metà di gara… Vedendo il bicchiere mezzo pieno, i wattaggi nella prima parte sono ottimi ed anche la cadenza sopra le 80rpm medie merita apprezzamento, ma con ftp sopra i 300w il valore finale di questa cicloscalata avrebbe potuto essere maggiore di una decina di watt, limando una manciata di secondi al tempo conclusivo. 304 Wn su 50′ di gara non sono male, Vam ben oltre i 1200 m/h nonostante pendenze non arcigne e discontinuità nella salita, andiamo avanti così.
Le cp più consistenti nel breve dovrebbero però essere nella fase finale e non altrove, ma potrai ampiamente rifarti affinando la gamba in corsa. 

Related Posts

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.