La forza nel ciclismo, tra bici e palestra (parte I)

Il nostro corpo ha sostanzialmente tre vie che concorrono alla produzione di energia, e una di esse utilizza l’ossigeno come carburante (sistema aerobico). Gli altri due sistemi (anaerobici) producono energia senza richiedere O2, fornendo un quantitativo valido per brevi periodi (fino ai 45”) ed intervendo per richieste impegnative, quali il sollevamento dei pesi o di esecuzione di sprint all-out. Eventi brevissimi ed intensi, senza ripetizione temporale, sono in genere classificati come sport di forza, non certo di endurance; in quest’ultimo caso invece, il sistema aerobico fornisce invece energia duratura per le attività a lungo termine, come camminare, correre, nuotare sulle lunghe distanze e (nel nostro caso) pedalare. Sport di resistenza, insomma.

Read More
Termina un eccellente Qinghai Lake per il team

Il Tour of Qinghai Lake è giunto oggi alla conclusione con la 13° tappa, un circuito pianeggiante di 96km nel centro della città di Lanzhou. È stata una corsa dove il Bardiani Valvole – CSF Inox Pro Team ha svolto un ruolo di grande protagonista grazie alle sei vittorie di tappe di Sacha Modolo, che si è rivelato in assoluto il miglior velocista presente.

Anche nell’ultima frazione il #greenteam ha cercato di portare il proprio sprinter nella migliore posizione per la volata finale, ma una caduta ai -5km ha disunito gli uomini del treno rendendo vano il lavoro svolto in precedenza. La vittoria della tappa conclusiva è andata all’americano Jacob Keough (UnitedHealthcare) davanti a Rogers (Baku) e Chicchi (Vini Fantini). Modolo ha fatto comunque la volata partendo dalle retrovie e finendo 7° dopo una buona rimonta.

Read More
Prestazioni di Froome al Tour

L’andamento del Tour 2013

Prima dell’attacco operato dalla Saxo nella tappa ventosa di venerdì, il primo test in salita ad Ax-3-Domaines e la cronometro avevano delineato la supremazia netta di Chris Froome, che a meno di crisi o schermaglie tattiche pareva avviato verso il trionfo sui Campi Elisi. Nel ciclismo e nello sport però non è mai detta l’ultima parola, e una giornata no o un’imboscata può sempre ribaltare i rapporti di forza. Poi la prova sul Mt. Ventoux ha messo tutti a tacere, alimentando discussioni e sospetti: analizziamo la situazione e vagliamo insieme la legittimità dei dubbi sulle prestazioni del leader Sky.

Confronti e wattaggi

Read More
Analisi: gara Under23 in circuito

Un circuito prevalentemente pianeggiante con la salita finale a scremare i superstiti, nel complesso una buona gara con una fase impegnativa, proseguimento di recupero per poi dare tutto sull’era finale. Nel complesso velocità molto elevate e dislivello di circa 600m per l’intero tracciato, Buona la percentuale di lavoro in quadrant II nella prima fase della competizione, poi una buona nuvola ad alti N distingue l’ultimo passaggio.

Read More
Il responso metabolico degli arti del corpo

Un carico di lavoro standard (basato sulla potenza o su % del V02Max appropriate, tradotte o meno in “zone”) produce un maggior affaticamento fisiologico se coinvolge le braccia/arti superiori, rispetto alle gambe; coinvolgendo la parte alta, infatti, si ottiene un VO2max (Massimo Consumo di Ossigeno) inferiore del 25% circa rispetto all’esercizio mediante la parte bassa (corsa o il ciclismo).

Nel confrontare sport differenti, o carichi di lavoro multi-settoriali, volume ed intensità di esercizio basati sull’attività ciclistica o podistica non possono essere traslati automaticamente ad attività coinvolgenti la parte alta, altrimenti si corre il rischio di travisare gli stimoli indotti a livello fisico dal proprio programma di training.

Read More
Pirazzi sul podio dell’italiano a cronometro

Con una grande prestazione dal primo all’ultimo metro, Stefano Pirazzi ha conquistato oggi la 2° posizione al Campionato Italiano Cronometro, corso da Mollaro – Mondo Melinda a Marileva 900 su un percorso lungo 38,8km. Un fantastico risultato per il Bardiani Valvole – CSF Inox Pro Team che si rifà così con gli interessi della giornata di ieri.

Lo scalatore di Fiuggi partiva forte fin dai primi chilometri e al primo intermedio transitava in terza posizione con il tempo di 26.26. Meglio di lui solamente il campione italiano uscente Cataldo (SKY) con 26.25 e Pinotti (BMC) in testa con 25.41 minuti.

Read More
Analisi: gara Under 23 in linea

           
Una delle classiche più prestigiose del calendario internazionale di categoria, onorata come si deve e con grandissima personalità, veramente una prestazione incoraggiante con margini di miglioramento di grande auspicio per il futuro. Corsa resa estremamente impegnativa dalla collocazione in calendario, dalle fatiche accumulate fino ad oggi e dalla tattica della squadra, molto discutibile, rimane una soddisfazione personale su distanze non comuni per un Under23.

Read More
Altura & tende ipossiche

L’allenamento in altura è ad oggi uno dei mezzi più utilizzati dai ciclisti Pro di alto livello da decenni. Essi soggiornano in altura per aumentare il trasporto e l’utilizzo di ossigeno nel sangue (aumento della massa plasmatica e dei dei globuli rossi) senza accusare gli effetti deprimenti che invece comporta una prolungata esposizione all’ipossia. In vista degli appuntamenti cruciali della stagione, squadre e Top Rider hanno concluso stage intermittenti (2-3 settimane) a Sierra Nevada, Livigno, Stelvio, l’Etna e le Canarie nell’inverno europeo. Proprio sul Teide, immersi in un paesaggio lunare, hanno preparato il Giro e le Classiche molti dei campioni ai vertici delle classifiche World Tour, lontano da occhi indiscreti e (..si diceva una volta..) in compagnia di preparatori/medici più o meno affermati. Lo stesso Schwazer, insieme ad altri campioni olimpici, è stato avvistato a più riprese a Tenerife (foto sotto: la tenuta del Parador, alle pendici del Vulcano).

Read More
Battaglin vince la 4a tappa del Giro!

Con volata incredibile degna del suo talento e sotto ad una battente pioggia, Enrico Battaglin ha vinto la 4° tappa del Giro d’Italia da Policastro a Serra San Bruno di 244km.
“Vincere una tappa al Giro in questa maniera è qualcosa di fantastico e indescrivibile, per la quale ringrazio prima di tutto la mia squadra che oggi ha creduto in me e ha lavorato nel finale per permettermi di esprimermi al meglio – racconta lo stesso Enrico -. 

Read More
Scelta dello pneumatico, tra aerodinamicità e rotolamento

Nella scelta dei materiali per la gara, bicicletta esclusa, dopo il casco riveste una certa importanza l’insieme cerchio+ gomma. Una ruota aerodinamica è molto più importante di una ruota leggera nelle competizioni pianeggianti o ancor più a cronometro; il peso gioca un ruolo più importante nei rilanci e in salita, dove si ha una migliore accelerazione, perché la massa rotante sulle ruote è minore e la ruota risulta più agile. Su percorsi piatti senza scia (dove un kg di peso aggiuntivo genera un gap di circa 1” al km a parità di Cx), dopo la fase di accelerazione da bassa velocità, il peso di una ruota non determina grandi svantaggi rispetto agli effetti benefici di una ruota altamente aerodinamica sopra i 35 km/h. Gli pneumatici larghi hanno un rotolamento migliore solo a parità di pressione, mentre i modelli più stretti possono essere utilizzati con pressioni di gonfiaggio superiori, risultando comunque meno confortevoli.

Read More
1 8 9 10 11 12