Caruso, Bernal ed i dati del Giro 2021

Caruso, Bernal ed i dati del Giro 2021

Una delle note più liete del Giro 2021 è stata la prestazione dell’ex “gregario di lusso” Damiano Caruso. Il siciliano ha vissuto uno dei migliori momenti della sua lunga carriera sull’Alpe Motta, quando (dopo aver dato una pacca sulla spalla al gregario Bilbao, esausto per il lavoro svolto) ha provato a dare la zampata sul giro, sul filo dei 420w.

Già la tappa dell’Alpe Mera, la numero 19, aveva dato risposte importanti sulle possibilità di podio del corridore Barhain Victorius. La salita finale dell’Alpe di Mera, 9,6 km al 9% medio, si prestava bene alla battaglia a viso aperto per la maglia rosa, visto che non era preceduta da altre ascese troppo impegnative. I wattaggi dei big ne hanno risentito positivamente, come possiamo vedere dall’analisi della prestazione.

Su 29’09” di scalata totale, Damiano ha espresso 410 w medi pari a circa 6,1 w/kg, con un picco sui 5 minuti pari 6,6 w/kg quando Caruso ha attaccato con Yates, Vlasov, Almeida e Bennett. Per cinque minuti, Caruso ha tenuto una media di 440 w (6,6 w / kg), un ritmo che però era insostenibile per mezz’ora, tanto che Yates ha attaccato proprio in quel punto arrivando solo al traguardo, con una stima di circa 6.5w / kg per l’intera salita. Il gruppetto dei big, con Almeida, Bernal e Caruso, ha chiuso poco sopra i 6 w/kg, intensità che serve per primeggiare nei grandi giri come questo su traguardi di 20-30 minuti all-out. Dopo questa convincente prestazione ed il podio a portata di mano, l’ultima sfida tra Caruso e Bernal è andata in scena sabato.

Dopo quasi tre settimane di pioggia, freddo, vento e neve, la tappa prevedeva 70 km di pianura, seguite negli ultimi 90 km della tappa dal Passo San Bernardino, Splügenpass e Alpe Motta. Damiano ha giocato le proprie carte scalando l’Alpe Motta a oltre 6,2w/kg e trovando nel finale anche il cedimento del compagno di fuga, il forte francese Bardet.

L’arrivo a braccia alzate del corridore Barhain ha coronato una tappa che – dopo ben 80 km a circa 350w normalizzati, pari a circa 5,2 w/kg – lo ha visto appunto vincitore al termine di una prestazione maiuscola, 22min57sec a oltre 6,2 w/kg (413w medi), e nella parte finale oltre 6,4 w/kg.

Dopo la vittoria nella tappa 20, domenica Caruso si è comunque difeso nella crono milanese, partendo con 2 minuti dalla maglia rosa Bernal. Il colombiano ha vinto la Maglia Rosa per la prima volta in carriera e, seppur con qualche piccolissimo segnale di incertezza, ha sostanzialmente dominato la parte finale della corsa rosa, forte anche di una squadra fortissima e di gregari di alto livello, primo fra tutti Martinez.

Simone Casonato
Fondatore di ScienceOfCycling Italia alla fine degli anni 2000, si occupa di programmazione del training ed è esperto nell’analisi dati degli atleti di endurance. E’ da anni Trainingpeaks Certified Coach e ha alle spalle esperienze internazionali nel ciclismo e nel triathlon; ha lavorato nel 2013 e 2014 con la Bardiani-CSF come responsabile della preparazione, vincendo quattro tappe al Giro d’Italia in due anni, ed è risultato il più giovane allenatore pro del circuito mondiale UCI WorldTour. Ha ottenuto come consulente e analyst successi sia al Giro d'italia Pro che U23, oltre che nelle più importanti corse ciclistiche World Tour. All'attivo tra gli atleti oltre 200 vittorie in ambito amatoriale, tra cui il titolo mondiale Ironman in Canada nel 2014, numerose maglie tricolori in ambito ciclistico, sia nelle GF che nei circuiti. Attualmente si occupa di ricerca scientifica applicata agli sport di endurance, programmazione e supporto degli atleti di tutti i livelli, professionisti WT e amatori (ciclismo e triathlon) in tutta italia e all’estero (USA, Cina, Emirati Arabi e Gran Bretagna). Dal 2015 è anche consulente ricerca per Abu Dhabi Sports e svolge attività di ricerca scientifica in ambito Endurance. E’ da anni membro dello European Congress of Sport Science e relatore in congressi e convegni europei. Attualmente lavora con la squadra Pro russa Gazprom – Rusvelo, il team World Tour femminile Alè BTC Ljubiana ed il team Pro Biesse Arvedi Continental per lo sviluppo della valutazione funzionale degli atleti professionisti durante la stagione.
Related Posts

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.