Varie

Stages, la prova del misuratore scelto da Sky

Nelle ultime 48 ore, una notizia “tecnica” ha attirato l’attenzione degli appassionati di ciclismo e praticanti di tutto il mondo; il passaggio della corazzata Sky, per molti squadra all’avanguardia in termini di tecniche e metodologia di allenamento, dai misuratori di potenza SRM (usati sin dalla nascita della formazione britannica) ad un nuovo marchio di misuratori, Stages.

Per gli addetti ai lavori, lo Stages (presentatosi inizialmente sul mercato come Stage One) è in realtà uno strumento ben conosciuto e molto atteso, poiché per lungo tempo in Italia non abbiamo potuto testarlo a causa della mancata distribuzione (solo in USA e Canada coi canali ufficiali). Io stesso, per entrarne in possesso, mi sono dovuto rivolgere all’estero, e aspetto che venga distribuito ampiamente anche in Italia per consigliarne l’acquisto.

Read More
pubblicazione dei files di allenamento

Grazie alla partnership con l’azienda americana CycleOps che fornirà come nel 2013, i misuratori di potenza PowerTap, modello Joule GPS, il Bardiani – CSF Pro Team sarà in grado nel 2014 di analizzare e poi pubblicare online a scadenza periodica, i file di allenamento e di corsa riguardanti la prossima stagione agonistica.
L’allenatore del #Greenteam, Dott. Simone Casonato di ScienceofCycling Italia, attraverso vari grafici spiegherà le metodologie di preparazione utilizzate e le prestazioni in corsa degli atleti. Tutto questo sarà disponibile in una sezione apposita presente sul nuovo sito internet del Bardiani – CSF Pro Team, online a Gennaio 2014.

Read More
Ufficializzata la collaborazione con gli u23 del Fly Cycling Team

Periodo di nuove Partnership per il team Elite- Under23 brianzolo FLY CYCLING TEAM, società che annovera tra le proprie fila ciclisti diabetici e coniuga l’agonismo sano e genuino con la sensibilizzazione e la promozione dello sport tra i diabetici.
Tra le collaborazioni eccellenti spicca quella con ScienceOfCycling Italia, che nella figura del giovane coach Simone Casonato (già allenatore, dall’anno scorso e per il 2014, della squadra pro Bardiani Valvole – CSF Inox) si occuperà della programmazione e della valutazione funzionale degli atleti della squadra.

Read More
il nuovo WKO in via di sviluppo

Il nuovo WKO 4.0 sta finalmente per arrivare e Trainingpeaks ha annunciato che sarà disponibile (anche per Mac nativamente) dal 10 di dicembre. Finalmene troveremo una serie di novità interessanti e nuovi concetti sviluppati dal Dr. Coggan e dal team di Trainingpeaks, dato che Wko 3.0 ha smesso di essere aggiornato molti e molti mesi addietro.
Ieri c’è stato il primo incontro tenuto dal Dr. A. Coggan sulla creazione di un modello matematico che descriva la prestazione ciclistica e aiuti a categorizzare/guidare l’atleta in modo coerente.

Read More
Evoluzione dei caschi aerodinamici

Nelle prove a cronometro, al netto della potenza espressa da ciascun atleta, il nemico numero uno è la resistenza aerodinamica, sempre presente ad opporsi quando si cerca di andare più veloci.

La bicicletta con cui si gareggia conta per circa il 20 per cento della resistenza aerodinamica, e la parte preponderante è costituita dalla propria area frontale; circa l’80% di questa resistenza aerodinamica è costituita dall’atleta in sella, il resto è dovuto alla bicicletta.

Read More
Pillole sul passaporto bio

La scelta di Horner, ossia pubblicare i dati relativi al passaporto biologico, appare un passo avanti verso la trasparenza, e una risposta convinta a chi lo ha ferocemente criticato (lui, 42enne, fresco vincitore della Vuelta) accusandolo di doping. Questo passo, che fa seguito alla pubblicazione di alcuni dei suoi files provenienti dalla corsa iberica, va quindi accolto positivamente, anche se ritengo che poco modificherà le opinioni dei suoi detrattori. Anzi, il rischio è alimentare un’ulteriore serie di pseudo-sospetti da parte di improvvisati ematologi, e non so quanto tutto questo servirà a rasserenare l’ambiente.

Read More
Powermeter, le novità da Eurobike

Dopo i primi assaggi, pubblicati qualche giorno fa, e riguardanti il misuratore Factor e le novità PowerTap e Power2Max (prima sulla pagina Facebook, poi riassunti qui http://news.scienceofcycling.it/#post96 ), ecco un sunto di quanto visto ad Eurobike in tema powermeters, sicuramente uno dei settori più dinamici e a noi cari per il training. Propongo le 5 novità/aggiornamenti più interessanti, in quanto di Garmin Vector si è già ampiamente parlato, Quarq ha aggiornato la gamma senza grosse novità già qualche mese fa e iBike è tutto da scoprire, specie sul nostro mercato.

Read More
Aggiornamento sui misuratori di potenza

Sintetizzo qui alcuni interventi postati volta per volta sul nostro profilo ufficiale facebook (ScienceOfCycling Italia) relativi ad aggiornamenti sul mondo dei powermeter.
Per chi vuole sapere tutto sul misuratore vettoriale Garmin Vector, atteso (troppo a lungo) e ora disponibile per test e prove (sarà presentato a Eurobike, speriamo definitivamente). Francamente, non vedo l’ora di provarli, e un assaggio lo fornisce il puntuale blog DC Rainmaker…

http://www.dcrainmaker.com/2013/08/hands-on-garmin-vector.html

Read More
Il responso metabolico degli arti del corpo

Un carico di lavoro standard (basato sulla potenza o su % del V02Max appropriate, tradotte o meno in “zone”) produce un maggior affaticamento fisiologico se coinvolge le braccia/arti superiori, rispetto alle gambe; coinvolgendo la parte alta, infatti, si ottiene un VO2max (Massimo Consumo di Ossigeno) inferiore del 25% circa rispetto all’esercizio mediante la parte bassa (corsa o il ciclismo).

Nel confrontare sport differenti, o carichi di lavoro multi-settoriali, volume ed intensità di esercizio basati sull’attività ciclistica o podistica non possono essere traslati automaticamente ad attività coinvolgenti la parte alta, altrimenti si corre il rischio di travisare gli stimoli indotti a livello fisico dal proprio programma di training.

Read More
Altura & tende ipossiche

L’allenamento in altura è ad oggi uno dei mezzi più utilizzati dai ciclisti Pro di alto livello da decenni. Essi soggiornano in altura per aumentare il trasporto e l’utilizzo di ossigeno nel sangue (aumento della massa plasmatica e dei dei globuli rossi) senza accusare gli effetti deprimenti che invece comporta una prolungata esposizione all’ipossia. In vista degli appuntamenti cruciali della stagione, squadre e Top Rider hanno concluso stage intermittenti (2-3 settimane) a Sierra Nevada, Livigno, Stelvio, l’Etna e le Canarie nell’inverno europeo. Proprio sul Teide, immersi in un paesaggio lunare, hanno preparato il Giro e le Classiche molti dei campioni ai vertici delle classifiche World Tour, lontano da occhi indiscreti e (..si diceva una volta..) in compagnia di preparatori/medici più o meno affermati. Lo stesso Schwazer, insieme ad altri campioni olimpici, è stato avvistato a più riprese a Tenerife (foto sotto: la tenuta del Parador, alle pendici del Vulcano).

Read More
1 2 3 4 5