Prime fatiche del 2014

Prime fatiche del 2014

Le settimane avanzano veloci ormai, siamo già agli inizi del 2014 e mancano giusto 9 mesi all’appuntamento chiave dell’anno!
La settimana attuale mandato definitivamente in archivio il periodo di festività. In un certo senso non mi dispiace: ritornare alla routine quotidiana, almeno con gli allenamenti, mi consente di organizzare al meglio tutti gli impegni quotidiani.

Le sedute si sono concentrate quasi totalmente sull’endurance e sulla tecnica, in tutte le discipline. Questo è un periodo dell’anno dove si “macinano” chilometri e si curano gli aspetti coordinativi, anche se inserisco sempre qualche lavoro veloce per non “imballare” troppo la gamba.

Lunedi 30 è stato un ottimo allenamento bike, finalmente infatti dopo alcuni giorni di pioggia, sono riuscito ad eseguire un’uscita lunga di 3 ore e 40′ a 200w esatti medi, con 1500mt di dislivello complessivo. Percorso bellissimo con passaggi sui cinque laghi dell’alta Brianza: Lecco, Annone, Pusiano, Segrino e Alserio. Amo percorrere queste strade durante i miei lunghi allenamenti in solitaria, mi ritengo fortunato ad abitare in questa parte d’Italia, che offre percorsi d’allenamento eterogenei e validi dal punto di vista tecnico e paesaggistico.
Purtroppo questa è stata l’unica uscita in bici della settimana, dato che il mal tempo e le festività mi hanno impedito di portare a termine altri workouts.

Gli allenamenti di corsa come sempre hanno recitato una parte importante, con 4 uscite. L’uscita più bella è stata dedicata al trail sulle sponde del Lambro, il Venerdì. Il percorso, tutto saliscendi, si è rivelato molto insidiosi a causa terreno fangoso; non facile da percorrere ma molto divertente, ho concluso con 20,7km in 1h 27′ (4’14”/km), interamente in z2, con buona parte percorsi in fuoristrada.
Correre su percorsi ondulati aiuta sia sotto il profilo cardiovascolare che tecnico. Da segnalare anche la sessione di tecnica svolta il Giovedì: il menù ha previsto varie andature di corsa come skip, corsa calciata, corsa balzata, rullata. Un lavoro sugli skills utili a migliorare lo stile e la reattività nel gesto podistico.

Il nuoto purtroppo si è fermato ad un paio di sedute, i vari impegni festivi e la chiusura degli impianti non ha permesso altro; in vasca le sessioni si sono concentrare principalmente su esercitazioni di tecnica ( di cui io ho particolarmente bisogno…) e su lavori di endurance e qualità, con ripetute sui 400 e 500mt.

Dalla prossima settimana inizieremo ad inserire qualche lavoro di forza specifico e multidisciplinare: cercherò di totalizzare un buon volume per poi concedermi una settimana di scarico. Sono molto contento di come stia andando questo inizio di preparazione, le sensazioni sono molto positive e i dati dimostrano che, rispetto all’anno scorso, la condizione sia in netta crescita. Lavoreremo sodo insieme a Simone per arrivare al meglio in periodo di gare senza “bruciarci” nei mesi precedenti.


Buon allenamento a tutti
Matteo F.

Related Posts

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.