top of page
  • Immagine del redattoreSimone Casonato

Età e prestazioni fisiche

Nelle manifestazioni ciclistiche amatoriali del nostro paese, l'età dei partecipanti arriva tranquillamente oltre i sessant'anni, e non si può che constatare l'efficienza del fisico impegnato in competizioni a volte estremamente esigenti. L'età anagrafica risulta spesso distante da quella biologica, e non è raro che nelle prime schermate degli ordini di arrivo si posizionino granfondisti di età superiore ai 40 anni, dotati di capacità prestative sicuramente non comuni e grande tenacia, pari almeno a quella dei più giovani.


Ci sono molte ragioni per continuare ad allenarsi e competere dopo i 40 anni, non solo l'esigenza (che dovrebbe però essere comune ad ogni persona) di mantenere un livello di fitness ed efficienza che ponga riparo al deterioramento fisico e alle malattie metaboliche. Dal nostro punto di vista, essere competitivi significherà prestare ancor più attenzione alla preparazione fisica, ottimizzare la qualità del training; in ogni caso, la scienza e la pratica sono pronti a dimostrare come il potenziale incremento in alcuni settori della prestazione, in un atleta master, sia più ampio di quanto si possa pensare. E' risaputo che le prestazioni di picco nello sport di endurance sia da ricercare nella fascia di età tra  i 25 e i 35 anni, i risultati da qualsiasi evento agonistico possono confermarlo de facto.

_48726205_cyclists_464
102-year-old-cyclist-worldrecord_2-1-2014_136264_l

Sul fabbisogno proteico per atleti di endurance, non si dimostrano particolari esigenze su individui non sedentari, mentre il vero cambiamento si ha nei tempi di recupero. L'invecchiamento  pone l'esigenza di recupero frequente ed esteso al termine di stress importanti, semplicemente in quantità maggiore rispetto ai colleghi più giovani. Maggiore sarà il carico di lavoro, più giorni consecutivi di scarico dovranno essere programmati per compensare e raggiungere lo step successivo nel livello di forma. Se negli atleti elite-under23 e amatori under30 possono intercorrere da tre a cinque settimane prima di interrompere il macrociclo di carico e concedersi il meritato riposo (ove avvengono i veri miglioramenti!), per gli over50 raramente si eccedono le due settimane prima di stoppare la crescita del Ctl (ed evitare un eccessivo affaticamento acuto). Prolungare i blocchi di carico o peggio saltare i periodi di riposo (come spesso accade in chi pensa di sapersi gestire alla perfezione) provoca stanchezza e inesorabile declino delle prestazioni. Uno studio australiano ha preso due gruppi di atleti e fatto svolgere una cronometro di 30' per tre giorni consecutivi; non vi era alcuna differenza nel rendimento del gruppo di giovani rispetto agli over 45, entrambi hanno subito decrementi costanti nei tre giorni. Gli atleti più anziani hanno però segnalato livelli percepiti di fatica più elevati, e più bassi indici di recupero dello sforzo rispetto ai giovani (misurati con vari marker bio-fisici). In conclusione, il calo in termini di prestazioni e capacità di recupero è inevitabile e fa parte del nostro patrimonio genetico, ma il tasso di declino della performance (comunque secondaria rispetto al benessere e alla salute del nostro corpo!) può essere di molto attenuato. La crescente mole di studi al riguardo, unita ai risultati degli amatori  che ho seguito in questi anni, mi fa pensare che ognuno di noi possa trarre concreti benefici e soddisfazioni nel pedalare a qualsiasi età, anche quando si decide di mettersi in gioco oltre i 40 anni. Non bisogna porsi dei limiti e lavorare duramente, sostenuti dalla propria passione, i risultati arriveranno di certo.

1 visualizzazione0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page